Rimani Aggiornato

Ricevi ogni settimana le ultime notizie direttamente nella tua casella di posta elettronica.
Email address
Sicuro e spam free
+ P. Felice Artuso + P. Marco Caprio + P. Marcelliano Cantatore

Nella mattinata dell’11 gennaio 2019, presso la comunità di Cameri (NO) si è spento improvvisamente

P. Felice Artuso

della Madonna della Salute

I funerali si svolgeranno a Cameri Lunedì 14 gennaio alle ore 14,30.

P. Felice era nato a san Zenone degli Ezzelini (TV) il 27 maggio del 1943, in una famiglia di lavoratori della terra, quasi all’ombra del santuario mariano locale della Madonna della Salute di cui volle portare il cognome di religioso.

Cresciuto in un clima di fede cristiana trasmessa alla popolazione dagli zelanti parroci don Stocco prima e don Angelo Fraccaro dopo, Felice conobbe presto i lutti che colpirono la sua famiglia. Morì la mamma Cecilia quando aveva appena 11 anni e dopo pochi anni anche il papà. Le zie si presero cura della casa rimasta vuota. Il ragazzo Felice si domandava quale sarebbe stato il futuro della sua vita.

Incontrando spesse volte il gruppo dei giovani novizi che risiedevano nella comunità passionista di san Zenone, prese la decisione di associarsi a loro ed entrò nel noviziato di questa comunità locale. Era l’anno 1966-67, essendo maestro di noviziato p. Mario Randi. Proseguì gli studi a Mondovì (CN) finché approdò a Betania in Palestina per gli studi di teologia che poi completò a Roma all’università dell’Antonianum.

Nel 1975 venne ordinato sacerdote nella chiesa parrocchiale di san Zenone per le mani dell’allora vescovo di Treviso, mons. Mistrorigo.

Iniziò la sua attività sacerdotale dedicandosi alla predicazione. Non era particolarmente dotato nell’arte oratoria, ma preparava con cura i suoi testi, studiando autori a lui congeniali. Fu membro di varie comunità dove soggiornò vari anni, come nella comunità di san Zenone dove ebbe anche l’incarico di economo locale.

Pubblicò due libri sulla storia del santuario della Madonna della Salute e sul Crocifisso venerato nella chiesa parrocchiale di san Zenone. Condusse avanti altri studi di ricerca storica sulle comunità passioniste dove era residente come a Sezano, Carpesino, e san Zenone. Si dedicò prevalentemente al ministero delle confessioni e teneva una rubrica fissa sulla Passione di Gesù sul sito web del MLP.

Furono le condizioni di salute malferma per problemi cardiaci a fermarlo nell’attività apostolica. Si dedicò quindi alle sue ricerche storiche e al ministero delle confessioni.